Intervista a Starla War – Oceano in te

Biografia

Starla War nasce a Roma tra artisti e, come chi le ha dato la vita, diventa lei stessa artista. Disegna, dipinge, cuce, le sue mani si rivelano abilissime nel creare. Ancora bambina scopre il mondo della letteratura, scrive diari e da questi estrapola storie di fantasia. Passionale, romantica, misteriosa, potete trovarla nascosta dietro una maschera, all’interno di uno sfarzoso abito vittoriano, o ammirare la grazia dei suoi movimenti mentre danza. L’avete sicuramente incrociata nei suoi scritti, perché in ognuno di essi c’è qualcosa di lei.

Descrizione dell’opera

Primo volume della serie Oceano. Gli amori impossibili non muoiono mai, si dice, vero? E l’amore di Anna per Giordano, l’uomo dagli occhi come l’oceano, è davvero impossibile. Lui è dannatamente bello, terribilmente sexy, sfacciatamente bravo a fare l’amore, e poi è ricco, potente, abituato a comandare. Di più: è promesso sposo a una giraffa con voce da scoiattolo. Un vero macello! Peggio, non è finita qui: è il fratello del suo ragazzo, di Adamo. Tutti gli ingredienti per un grosso problema ci sono, ora mescolate con la passione, il sesso, l’incoscienza di una giovane donna di vent’anni, la perversione di un uomo più grande di lei, la sua affascinate arroganza, aggiungete la bravura di Starla War nel descrivere tutto questo in 460 pagine, e avrete un romanzo indimenticabile, eccitante, che vi farà solcare l’oceano dell’amore.


Grazie mille Starla per la tua disponibilità.

La trama del tuo libro è molto intensa. La storia nasce da tue esperienze passate o dalla tua fantasia?

“Innanzitutto, grazie a te per questa possibilità.

Il mio romanzo è davvero molto intenso, più di quanto lasci trasparire la trama. La storia è l’intreccio delle vicende che portano Anna, la classica ragazza della porta accanto, a fare una serie di scelte dettate dal cuore e spesso impulsive. Il suo cammino è un saliscendi di potenti emozioni e l’intero racconto è per lei un percorso di crescita personale che ho voluto sottolineare con ragionamenti via via più maturi e un modo di scrivere che si evolve assieme al personaggio.

Anche il protagonista maschile, l’affascinante ma imperscrutabile G., è molto più di quello che sembra all’inizio. La sua storia è stata approfondita nel secondo volume, in cui si scoprirà come è diventato la persona che è.

Due anime così diverse, con vite così all’opposto, possono anche innamorarsi, ma riusciranno a portare avanti assieme i loro potentissimi sentimenti? È questo che ho cercato di descrivere nella serie Oceano.
In tutte le mie storie c’è qualcosa di me e molta, moltissima fantasia.
In questo caso sono stata ispirata da un sogno che mi ha dato l’input per cominciare il racconto di Anna. Quella notte ho visto una giovane ragazza dai capelli scuri correre a perdifiato per allontanarsi da qualcosa che l’aveva sconvolta. Ho sentito il suo dolore, percepito la sua disperazione e compreso che il sentimento, l’amore impossibile del quale era preda, era la stessa forza alla quale si sarebbe aggrappata per rinascere.”

Quanti volumi ha l’intero racconto? Hai strutturato l’intera storia prima di iniziare a scriverla?

“I volumi sono due, il secondo uscirà a breve e sarà la degna conclusione della storia di Anna.
Quando ho iniziato a scrivere non avevo uno schema completo e ho deciso che “Oceano in te” avrebbe avuto un seguito solo dopo la pubblicazione. Questo grazie anche alle richieste di moltissimi lettori che volevano sapere come sarebbero continuate le vicende dei protagonisti ai quali si sono affezionati.”

Quali sono stati gli autori che ti hanno ispirato e perché?

“Sono un’accanita lettrice e amo generi molto diversi tra loro. Non credo di essere stata ispirata da un autore in particolare, in realtà tutto ciò che leggo è fonte di riflessione sul mio stile di scrittura che è in continua evoluzione.
Tra i miei romanzi preferiti voglio ricordare:

  • Piccole Donne di Louisa May Alcott, il primo libro che ho letto;
  • Mille Splendidi Soli di Khaled Hosseini, che cito anche nel mio romanzo;
  • la serie Gabriel’s Inferno di Sylvain Reynard, un passionale romance erotico;
  • La Dea Della Dualità di James Grey, un autore che sa scavare nelle emozioni.”

Come organizzi il tuo tempo per riuscire a scrivere? Hai un momento della giornata in cui ti senti più ispirata?

“Ho la fortuna di lavorare in proprio, quindi posso gestire il mio tempo al meglio.
In genere al mattino sono molto produttiva nella scrittura ma, per quanto mi riguarda, l’ispirazione non ha orario!
Mi ritrovo spesso a scrivere o prendere appunti durante le vacanze, quando esploro nuovi luoghi che mi danno nuove idee. Basta un odore, un suono o un’immagine per dare inizio al processo creativo.”

Hai pubblicato il tuo romanzo con la Brè Edizioni. Hai preso in considerazione anche la via dell’autopubblicazione prima di ricevere la proposta editoriale?

“L’edizione pubblicata da Bré è la seconda, riveduta, di Oceano in te.
Prima di scegliere una casa editrice, il libro è stato pubblicato in self con buoni risultati. Ho comunque deciso di avvicinarmi alle C.E. per orgoglio personale e perché mi sento più tutelata come scrittrice. Ho sentito parlare della Bré Edizioni come una casa editrice molto seria, e quando hanno accettato il mio romanzo ne sono stata davvero felice.”

Leggi anche:

Intervista a Dario Vergari

Inervista a Phil Marino

Intervista a Romana Francesca Dimaggio

Intervista a Sara Carli

Come approcciarsi a una casa editrice


Ti piace questo sito e vuoi contribuire alla sponsorizzazione degli articoli? Dona ora.

Condividi questo articolo sui social
No Comments

Post A Comment